Garda Trentino Logo
Top

Sentiero del Ponale (da Ledro)

Riva del Garda, Ledro

Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
4:00
Durata in ore
Distanza
10.5
Distanza in km
Stato
aperto
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Da più di un secolo la Ponale incanta i viaggiatori. Questo itinerario è l’ideale per tutti coloro che vogliono fare una bella passeggiata e godere di un panorama mozzafiato sull'alto Garda e i monti che lo circondano.

La strada domina il basso Sarca, il caratteristico monte Brione, posto tra Riva e Torbole, l'Alto Garda e il monte Baldo. La vegetazione è rada, mediterranea, fatta di cipressi e lecci, che trovano piccoli spazi adatti a crescere tra le rocce a strapiombo.

 La strada del Ponale era l’unico collegamento tra la Valle di e Riva del Garda prima della costruzione del tunnel, aperto nel 1990 al traffico automobilistico. Giacomo Cis, un ricco commerciante di Bezzecca, fu l'ideatore, costruttore e finanziatore del progetto. Morì nel 1851, poco prima dell'inaugurazione della strada.

La costruzione della strada iniziò nel 1848 e terminò nel 1851. Tre gallerie furono inizialmente scavate nella roccia del Monte Oro. A queste se ne aggiunsero altre quattro negli anni successivi. Nel 1891 fu permesso per la prima volta il transito alle auto private. La Ponale, con le sue gallerie nella roccia e i suoi tornanti a strapiombo sul lago, era all'epoca un capolavoro d'ingegneria.

Dopo l'abbandono nel 1990, la strada del Ponale è stata messa in sicurezza e convertita in sentiero. E' stata nuovamente aperta al pubblico nel 2004. Il percorso è intitolato a Giacomo Cis.

Ulteriori informazioni e link utili

Per ulteriori informazioni su percorsi, servizi trekking (guide, shop, rifugi ecc.) e alloggi a misura di sportivo: Garda Trentino - +39 0464 554444

 

Dati percorso
Medio
Numero percorso
Lunghezza
10,5 km
Durata
4 h 00 min
Dislivello (+)
382 m
Dislivello (-)
382 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
372 m
Punto più basso
65 m
Consiglio dell'autore

Fortificazioni austro-ungariche

La strada del Ponale era di fondamentale importanza per il controllo dell'Alto Garda, allora zona di confine tra l'Impero austro-ungarico e il Regno d'Italia. Per questo suo grande valore strategico fu quindi oggetto di fortificazione da parte dell'Austria-Ungheria sin dal 1860.

A quest'epoca risale Forte Teodosio, così chiamato per via del ritrovamento di alcune monete risalenti all'Imperatore Teodosio. Il forte serviva a sbarrare la strada a chi proveniva dalla Valle di Ledro. A difesa del porto di Riva stava la Batteria Bellavista (o della Madonnina), pochi metri più in alto del livello del lago. Le fortificazioni impedirono a Garibaldi di invadere il Trentino dal Garda, costringendolo a passare per le Giudicarie e la Val di Ledro.

Al 1904 risale l'inizio dei lavori di scavo della Tagliata del Ponale, parte del grande piano difensivo messo in campo dall'Imperial e regio esercito in tutto il Trentino. La Tagliata è composta da una serie di gallerie e cunicoli scavati nella roccia. Il complesso si estende dal livello del lago all'altezza della settima galleria (170 m) venendo da Riva. Dalla strada sono visibili le feritoie di tiro e i portoni in ferro. La Tagliata garantì all’Austria-Ungheria il controllo di Riva per tutto il corso della Prima Guerra Mondiale. Gli scavi terminarono solo nel 1918.

Indicazioni sulla sicurezza

Safety Tips

  1. Scegli itinerari in funzione delle tue capacità fisiche e tecniche, documentandoti sulla zona da visitare, sulla fruibilità dei sentieri e dotandoti di adeguata carta escursionistica.
  2. Provvedi a un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno e alla lunghezza dell’escursione e porta nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza e un kit di pronto soccorso.
  3. È consigliabile non intraprendere da soli un’escursione in montagna. In ogni caso lascia detto a qualcuno l’itinerario che prevedi percorrere, avvisando del tuo ritorno.
  4. Informati sulle previsioni meteo e osserva costantemente lo sviluppo del tempo.
  5. Nel dubbio torna indietro. A volte è meglio rinunciare piuttosto che trovarsi in difficoltà a causa del maltempo o per essersi cimentati con difficoltà di grado superiore alle proprie forze, capacità, attrezzature.
  6. Evita di uscire inutilmente dal sentiero e di prendere scorciatoie.
  7. Tutti i percorsi elencati si sviluppano in ambiente naturale. Percorrerli significa accettare il rischio della pratica di uno sport nella natura.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

NB: La Ponale è un sentiero alpino e va affrontata con la dovuta attenzione. I ciclisti devono regolare la velocità e fare attenzione ai pedoni.

Punto di partenza
Biacesa
Indicazioni

Partenza dal parcheggio posto all’incrocio tra la SS240 e la strada per Pregasina. Attraversiamo il cavalcavia e scendiamo lungo la strada asfaltata. Poco prima del tunnel imbocchiamo la mulattiera sulla sinistra che si congiunge alla vecchia strada del Ponale in corrispondenza delle cosiddette “zete”. Seguiamo il sentiero del Ponale fino a Riva del Garda in località Monte Oro, poco prima della centrale idroelettrica. Al ritorno risaliamo lungo lo stesso percorso, superiamo le “zete” e invece di imboccare la mulattiera proseguiamo sull’asfalto. In corrispondenza della sbarra che segna la fine della Ponale, subito prima del tunnel, imbocchiamo il sentiero sulla sinistra che ci permette di evitare la SS240 e si congiunge alla strada per Pregasina.

Il Sentiero del Ponale si può percorrere anche nella direzione opposta, con partenza da Riva del Garda.

Mezzi pubblici

La Valle di Ledro è collegata a Riva del Garda dalla linea bus extraurbana 214 (Riva-Valle di Ledro-Storo).

Informazioni aggiornate su orari e tratte.

 

Come arrivare

Autostrada A22, uscita Rovereto Sud - Lago di Garda. SS240 della Val di Ledro fino al bivio per Pregasina.

Scopri come raggiungere il Garda Trentino.

 

Dove parcheggiare

Parcheggio presso il bivio per Pregasina.

Le escursioni in montagna richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come, ad esempio, un temporale improvviso o un calo di energia.

Cosa portare per un trekking in montagna?

Nello zaino (per un'escursione giornaliera di norma si consiglia un 25/30L) è bene portare:

  • boraccia (1L)
  • snack (per esempio, frutta secca o cioccolato)
  • kit di pronto soccorso
  • giacca antivento
  • una maglia in pile
  • maglietta e calze di ricambio (possibilmente chiusi in un sacchetto di plastica)
  • indossate o almeno portate nello zaino un paio di pantaloni lunghi
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti
  • fischietto per farsi rintracciare in caso di emergenza

 

Indossate calzature adatte al percorso ed alla stagione. Il piano di calpestio dei sentieri può essere irregolare o sconnesso ed un paio di scarponcini vi proteggerà dalle distorsioni. Un pendio erboso, una placca di roccia o un sentiero ripido, se bagnati, possono diventare pericolosi senza calzature adeguate.

Per finire... non dimenticate la macchina fotografica! Servirà per immortalare l'escursione e gli innumerevoli scorci mozzafiato che il Garda Trentino nasconde ad ogni angolo. Se poi volete condividere con noi i vostri ricordi potete usare l'hashtag #GardaTrentino

Il numero unico di emergenza è 112.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Val Algone | © Archivio Garda Trentino (ph. Watchsome), Garda Trentino
Medio
Comano
La Val Algone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta
Distanza 7,2 km
Durata 3 h 30 min
Dislivello (+) 367 m
Dislivello (-) 338 m
Stato
aperto
Coltivi della Nosiola | © Archivio Garda Trentino (ph. Watchsome), Garda Trentino
Facile
Valle dei Laghi
Sentiero della Nosiola 2
Distanza 7,2 km
Durata 2 h 00 min
Dislivello (+) 266 m
Dislivello (-) 267 m
Stato
aperto
© Staff Outdoor Apt Rovereto Vallagarina Monte Baldo, APT Rovereto Vallagarina Monte Baldo
Facile
Dintorni, Val di Gresta
Monte Creino
Distanza 4,0 km
Durata 1 h 15 min
Dislivello (+) 124 m
Dislivello (-) 123 m
Stato
aperto
Strada di Moline e Deggia | © Fototeca Trentino Sviluppo foto di A. Russolo, Garda Trentino
Medio
Valle dei Laghi
Sentiero S. Vili: da Deggia a Ranzo
Distanza 13,9 km
Durata 5 h 00 min
Dislivello (+) 400 m
Dislivello (-) 641 m
Stato
aperto
Lungo il Massangla prima del Gorg d'Abiss | © Roberto Stanchina, Garda Trentino
Medio
Ledro
Di cascata in cascata
Distanza 8,2 km
Durata 3 h 00 min
Dislivello (+) 366 m
Dislivello (-) 366 m
Stato
aperto
Sass de Santa Cross | © F. Parisi, Garda Trentino
Medio
Comano
Al Sass de Santa Cross
Distanza 7,2 km
Durata 2 h 40 min
Dislivello (+) 418 m
Dislivello (-) 421 m
Stato
aperto