Logo Garda
Covid 19 Vacanze Sicure per un soggiorno sereno e senza preoccupazioni Scopri di più Chiudi
Fun Facts
Curiosità e cifre

11 Fun Facts che rendono il Garda Trentino speciale

Sapevi che...

A seguire abbiamo raccolto una serie di curiosità su uno degli angoli più belli di questa terra (e questa volta il paragone non si limita al Garda Trentino). Siamo sicuri che qualcuna di queste cifre ti lascerà a bocca aperta. In fondo sono cose che succedono piuttosto spesso quando le montagne affiorano dall’acqua blu oltremare…

  • Dalle palme ai pini

    Tra le palme in riva al Lago di Garda e le fronde dei pini cembri del Monte Altissimo si contano più di 2.000 metri di dislivello complessivo. E tra una sponda e l’altra? Una distesa infinita di meravigliosi paesaggi da esplorare!

  • La Busa

    “Busa”, ovvero “buco”. È così che in dialetto trentino chiamiamo la zona intorno ad Arco, Riva del Garda e Nago-Torbole, perché, come i gioielli più preziosi, è incastonata tra il blu zaffiro dei bacini lacustri e il verde smeraldo dei pendii montani.

  • Oro liquido

    Il Garda Trentino è l’area olivicola più settentrionale in cui si continuano a coltivare gli olivi secondo gli antichi metodi tradizionali e a produrre olio EVO. Questo pregiatissimo oro liquido è l’orgoglio di un’intera regione.

  • Una cascata cantastorie

    È la prima e la più antica attrazione turistica di tutta la regione: la cascata del Varone è stata inaugurata nel lontano 1874! A chi le si avvicina, bisbiglia storie travolgenti… Che siano cambiate in quasi 150 anni? Per saperlo non ti resta che visitarla e tendere l’orecchio.

  • Una pista da podio

    Le piste ciclabili che attraversano il Trentino, oltre a essere verdissime e sempre impeccabili, sono pressoché innumerevoli. Tuttavia la pista ciclabile che segue il corso del fiume Sarca rimane senza dubbio la preferita dai trentini e si aggiudica puntualmente la maglia rosa.

  • Un mare di vele

    Per più di 180 giorni all’anno, quando i velisti di tutto il mondo risalgono il vento domando le onde durante le numerose regate, la parte settentrionale del Lago di Garda si trasforma in un mare di vele bianche. Per vederne una ti basterà soggiornare qualche giorno in più nel Garda Trentino.

  • Profondo blu

    Con i suoi 346 metri, il Lago di Garda si aggiudica il podio dei laghi più profondi d’Italia. Il suo vicino di casa, il Lago di Ledro, raggiunge quota 48 metri, la dimensione perfetta per i nuotatori! Per fare un confronto al volo il Lago di Como e il Lago Maggiore toccano rispettivamente i 410 e i 370 metri di profondità, mentre il Lago d’Iseo arriva a 251 metri e il Lago di Braies e il Lago di Anterselva non raggiungono i 40 metri. Che con queste cifre il Lago di Garda sia il bacino di ritrovo di velisti e surfisti è piuttosto naturale!

  • L’uomo più alto del mondo

    Bernardo Gilli nacque nel 1726 in Val di Ledro, a Bezzecca in Valle di Ledro. Si narra che raggiunse un’altezza strabiliante, arrivando a misurare 2,60 metri. Questo lo rese talmente famoso da assicurarsi la partecipazione a moltissimi eventi: il “Gigante” fu addirittura invitato dagli zar di Russia e fece visita a corte ai reali di Francia. Dopo la sua morte, il dottor Cannella, medico a Riva del Garda, ottenne l’autorizzazione a effettuare alcuni studi sul suo corpo, nel tentativo di cercare una spiegazione al fenomeno della sua crescita… decisamente fuori misura!

  • Un paese da guinness

    Balbido è un paese piccolo e tranquillo nelle vicinanze di Comano, che si distingue dagli altri borghi per una particolarità: sembra che il DNA di chi ci abita contenga un gene speciale, quello dei record! Qui sono stati infatti prodotti il più grande cesto di vimini intrecciato e la “Stria” più alta al mondo, una strega di 10,77 metri realizzata con la stessa tecnica! E non è tutto: le vie e i muri delle case di questo paesino pittoresco sono colorati da murales che lo rendono un museo a cielo aperto. A Balbido la creatività non conosce davvero limiti.

  • La custode della sorgente

    La leggenda narra che le terme di Comano, già conosciute ai tempi degli antichi Romani, abbiano origini mitologiche. Pare infatti che una profetessa, la Sibilla cumana, vivesse in una grotta sotterranea dove sgorgava una sorgente d’acqua a 27 °C.
    Da quel momento l’acqua, con le sue riconosciute proprietà curative, scorre calda dalla prodigiosa fonte, protetta dalla Sibilla perché chiunque possa trarne beneficio.

  • Turbine e Alambicchi

    Grappa e creatività

    La Valle dei Laghi produce alcune delle migliori grappe e distillati del mondo. E non a caso: i produttori della Valle dei Laghi hanno puntato tutto sulla creatività e sull’innovazione, sviluppando una tecnica di distillazione che assicura ai loro prodotti una qualità eccellente.

Scopri di più
 
località
Eventi
Family
Natura
cultura
Cultura