Logo Garda
Covid 19 Vacanze Sicure per un soggiorno sereno e senza preoccupazioni Scopri di più Chiudi
Top
Sentiero del Ponale
Ledro, Riva del Garda
Aggiungi ai preferiti
Difficoltà
Facile
Durata
1:15
Durata in ore
Distanza
8.7
Distanza in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Da più di un secolo la Ponale incanta i viaggiatori. Questo itinerario è l’ideale per tutti coloro che vogliono fare una bella passeggiata e godere di un panorama mozzafiato sull'alto Garda e i monti che lo circondano.

La strada domina il basso Sarca, il caratteristico monte Brione, posto tra Riva e Torbole, l'Alto Garda e il monte Baldo. La vegetazione è rada, mediterranea, fatta di cipressi e lecci, che trovano piccoli spazi adatti a crescere tra le rocce a strapiombo.

 

La strada del Ponale era l’unico collegamento tra la Valle di Ledro e Riva del Garda prima della costruzione del tunnel, aperto nel 1990 al traffico automobilistico. Giacomo Cis, un ricco commerciante di Bezzecca, fu l'ideatore, costruttore e finanziatore del progetto. Morì nel 1851, poco prima dell'inaugurazione della strada.

La costruzione della strada iniziò nel 1848 e terminò nel 1851. Tre gallerie furono inizialmente scavate nella roccia del Monte Oro. A queste se ne aggiunsero altre quattro negli anni successivi. Nel 1891 fu permesso per la prima volta il transito alle auto private. La Ponale, con le sue gallerie nella roccia e i suoi tornanti a strapiombo sul lago, era all'epoca un capolavoro d'ingegneria.

Dopo l'abbandono nel 1990, la strada del Ponale è stata messa in sicurezza e convertita in sentiero. E' stata nuovamente aperta al pubblico nel 2004. Il percorso è intitolato a Giacomo Cis.

Ulteriori informazioni e link utili

Maggiori informazioni su www.vallediledro.com

Dati percorso
Facile
Lunghezza
8,7 km
Durata
1 h 15 min
Salita
260 m
Discesa
260 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
431 m
Punto più basso
66 m
Consiglio dell'autore

Fortificazioni austro-ungariche

La strada del Ponale era di fondamentale importanza per il controllo dell'Alto Garda, allora zona di confine tra l'Impero austro-ungarico e il Regno d'Italia. Per questo suo grande valore strategico fu quindi oggetto di fortificazione da parte dell'Austria-Ungheria sin dal 1860.

A quest'epoca risale Forte Teodosio, così chiamato per via del ritrovamento di alcune monete risalenti all'Imperatore Teodosio. Il forte serviva a sbarrare la strada a chi proveniva dalla Valle di Ledro. A difesa del porto di Riva stava la Batteria Bellavista (o della Madonnina), pochi metri più in alto del livello del lago. Le fortificazioni impedirono a Garibaldi di invadere il Trentino dal Garda, costringendolo a passare per le Giudicarie e la Val di Ledro.

Al 1904 risale l'inizio dei lavori di scavo della Tagliata del Ponale, parte del grande piano difensivo messo in campo dall'Imperial e regio esercito in tutto il Trentino. La Tagliata è composta da una serie di gallerie e cunicoli scavati nella roccia. Il complesso si estende dal livello del lago all'altezza della settima galleria (170 m) venendo da Riva. Dalla strada sono visibili le feritoie di tiro e i portoni in ferro. La Tagliata garantì all’Austria-Ungheria il controllo di Riva per tutto il corso della Prima Guerra Mondiale. Gli scavi terminarono solo nel 1918.

Indicazioni sulla sicurezza

Le famiglie con bambini devono essere particolarmente prudenti dove mancano le staccionate. I ciclisti devono regolare la velocità e fare attenzione ai pedoni. Il suolo è sterrato.

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Punto di partenza
Biacesa
Indicazioni

Prendere il sentiero prima del tunnel per Pregasina e seguire il sentiero del Ponale fino alla Centrale Idroelettrica di Riva del Garda in località Monte Oro. Ritorno lungo lo stesso percorso.

Mezzi pubblici

Trentino Trasporti

Andata: bus 214 Riva del Garda - Pregasina bivio
Ritorno: Pregasina bivio - Riva del Garda

Maggiori informazioni e orari

Come arrivare

Autostrada A22, uscita Rovereto Sud - Lago di Garda. SS240 della Val di Ledro fino al bivio per Pregasina. Ulteriori possibilità

Dove parcheggiare
Parcheggio presso il bivio per Pregasina.
Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Comano, Tenno, Ledro
Distanza 26,5 km
Durata 7 h 00 min
Differenza di altezza 1.275 m
Arco, Tenno
Distanza 13,8 km
Durata 3 h 40 min
Differenza di altezza 1.016 m
Riva del Garda, Torbole sul Garda - Nago, Tenno, Arco
Distanza 30,7 km
Durata 6 h 25 min
Differenza di altezza 473 m
Riva del Garda, Tenno
Distanza 15,3 km
Durata 3 h 10 min
Differenza di altezza 597 m
Comano, Tenno
Distanza 19,3 km
Durata 4 h 40 min
Differenza di altezza 1.228 m
Riva del Garda, Ledro
Distanza 18,6 km
Durata 4 h 30 min
Differenza di altezza 1.310 m