Logo Garda
Top

La linea blu dell'Alto Garda

Torbole sul Garda - Nago, Arco, Riva del Garda
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
5:20
Durata in ore
Distanza
15.2
Distanza in km
Stato
aperto
OSEN
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Itinerario storico che segue linea del fronte del 1945 dal lungolago di  Riva del Garda alle pendici del Monte Altissimo nei pressi di  Torbole sul Garda.

Il percorso segue una parte della linea fortificata realizzata dalle forze armate tedesche tra il 1944 e la primavera del 1945 dalla sponda settentrionale del Lago di Garda all'Adriatico, la cosiddetta Linea Blu (in tedesco, Blaue Linie). Questa linea di fortificazione seguiva in gran parte le opere difensive austroungariche realizzate il secolo precedente. Nel Garda Trentino vennero fortificati il litorale da Riva del Garda a Torbole, la gardesana occidentale a sud del centro di Riva e le pendici dell'Altissimo, dove ci furono gli unici scontri a fuoco.

L'itinerario si compone di due tratti distinti: il primo parte dal centro di Riva del Garda e si sviluppa sul lungolago verso est, il secondo dal centro di Torbole sale verso Busatte e poi Nago. È possibile abbinare la prima parte all'itinerario “I Forti del Monte Brione”, che parte da porto S. Nicolò, a metà strada tra Riva e Torbole, lasciando per un'occasione successiva la metà con partenza e arrivo a Torbole.

Ulteriori informazioni e link utili

Per ulteriori informazioni su percorsi, servizi trekking (guide, shop, rifugi ecc.) e alloggi a misura di sportivo: Garda Trentino - +39 0464 554444

 

Dati percorso
Medio
Numero percorso
Lunghezza
15,2 km
Durata
5 h 20 min
Dislivello (+)
291 m
Dislivello (-)
293 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
262 m
Punto più basso
62 m
Consiglio dell'autore

Per gli appassionati di storia, nel Garda Trentino ci sono numerosi percorsi a tema Grande Guerra, che esplorano le fortificazioni austroungariche. 

I combattimenti sul Garda durante la Seconda Guerra Mondiale si concentrano negli ultimi giorni della Campagna d'Italia degli Alleati. La X divisione da Montagna USA raggiunse infatti Verona il 26 aprile 1945, Malcesine il giorno successivo, mentre la resa generale delle forze armate tedesche fu firmata il 29 aprile, mentre ancora si combatteva a Torbole. L'idea alla base della Blaue Linie, riutilizzare le fortezze e trincee della Prima Guerra Mondiale per trasformare le Alpi in una fortezza (Alpenfestung) non arrivò dunque mai a concretizzarsi.

Nei pressi del forte S. Nicolò, si possono notare all'imbocco del tunnel stradale delle nicchie, oggi contenenti immagini di santi: durante la seconda guerra mondiale contenevano, come quasi tutti i tunnel sul lago di Garda, dinamite che serviva per far collassare il tunnel in caso di necessità. La più sanguinosa battaglia combattuta sul lago nell'Aprile 1945 si svolse intorno al Corno di Bo' (visibile da qui – uno sperone di roccia scusa in direzione sud-est - ), quando i tedeschi in ritirata tentarono di far esplodere le cariche esplosive all'imbocco della galleria, e gli americani utilizzarono ogni mezzo per impedirlo. Ecco perché a Torbole per anni venne chiamata “Galleria della morte”.

Indicazioni sulla sicurezza

Safety Tips

  1. Scegli itinerari in funzione delle tue capacità fisiche e tecniche, documentandoti sulla zona da visitare, sulla fruibilità dei sentieri e dotandoti di adeguata carta escursionistica.
  2. Provvedi a un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno e alla lunghezza dell’escursione e porta nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza e un kit di pronto soccorso.
  3. È consigliabile non intraprendere da soli un’escursione in montagna. In ogni caso lascia detto a qualcuno l’itinerario che prevedi percorrere, avvisando del tuo ritorno.
  4. Informati sulle previsioni meteo e osserva costantemente lo sviluppo del tempo.
  5. Nel dubbio torna indietro. A volte è meglio rinunciare piuttosto che trovarsi in difficoltà a causa del maltempo o per essersi cimentati con difficoltà di grado superiore alle proprie forze, capacità, attrezzature.
  6. Evita di uscire inutilmente dal sentiero e di prendere scorciatoie.
  7. Tutti i percorsi elencati si sviluppano in ambiente naturale. Percorrerli significa accettare il rischio della pratica di uno sport nella natura.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Punto di partenza
Riva del Garda
Indicazioni

Prima Parte (Riva del Garda):
Si parte dall'Ufficio Informazioni in Largo Medaglie d'Oro e si prosegue verso il lungolago. Al ponte pedonale di Punta Lido sulla destra si trova una cannoniera “Tobruk Pit”). Proseguendo lungo il lago per circa 3 km si raggiunge Piazza Lietzmann a Torbole. Sul percorso, si incontrano diversi manufatti risalenti in parte già alla prima Guerra Mondiale e il Forte San Nicolò (raccordo con itinerario “ I Forti del Monte Brione”).

Seconda Parte (Nago-torbole):
Si parte da Piazza Lietzmann: qui accanto alla chiesa si trovano i monumenti al generale Darby della X Divisione da Montagna e ai soldati affondati al largo di Tempesta insieme al loro mezzo anfibio DUKW, a guerra ormai finita. Si prosegue sul lungolago urbano verso est, in direzione dell'imbarcadero di Navigarda (in via Pescicoltura, dietro all'Ufficio Informazioni, si trova la porta ora chiusa del vecchio bunker antiaereo). Proseguendo verso sud si raggiunge e supera il Circolo Vela per trovare, sulla sinistra, la Galleria Adige-Garda. In questa durante la guerra erano state collocate alcune fabbriche di componenti militari della Messerschmidt, in modo da sfuggire ai bombardamenti alleati. Tornati in via Pescicoltura si segue il cartello indicante il sentiero “Busatte Tempesta” e si sale lungo la scalinata e poi lungo la strada fino al parcheggio del parco Busatte. Salendo, si possono notare le feritoie delle trincee all'interno della parete rocciosa, sopra al primo tornante (postazione da mitragliatrice servita da una scalinata in roccia di 100 gradini) e sotto al traliccio dell'alta tensione.

Raggiunto il parcheggio del Parco Busatte si prosegue sulla strada ciclopedonale che sale verso Nago. Dopo alcune centinaia di metri, si raggiunge un punto panoramico con panchina. Proseguendo, si raggiunge uno spiazzo sterrato e si svolta a destra sulla strada interpoderale, accanto al cartello del percorso Bike. Poco lontano, si incontra sulla sinistra un bunker in roccia, e poco oltre, una targa che ricorda i Mountaineers qui colpiti da fuoco amico. Guardando verso Torbole da questo punto è possibile vedere nella parete di roccia sopra via delle Busatte le stesse trincee viste in precedenza. Si torna al bivio e si prosegue fino all'incrocio con via Monte Baldo, che si segue verso Nago (attenzione: occasionale traffico veicolare).

Ritorno:
All'incrocio con la Strada Vecchia si svolta a sinistra e si continua a scendere lungo l'antica via di Santa Lucia per rientrare a Torbole.  Raggiunta Torbole, al bivio con via Pontalti si svolta a destra percorrendo due tornanti di via Europa fino al punto panoramico “Belvedere” (attenzione: traffico veicolare). Scendendo le vicine scale si torna verso il vecchio porto di Torbole e la fine dell'itinerario in piazza Lietzmann.

Mezzi pubblici

I centri principali del Garda Trentino - Riva del Garda, Arco, Torbole sul Garda, Nago - sono collegati da diverse linee bus urbane ed extraurbane, che permettono di raggiungere i punti d'accesso ai percorsi.

Riva del Garda e Torbole sul Garda sono raggiungibili anche con il servizio di navigazione pubblica.

Informazioni aggiornate su orari e tratte.

 

Come arrivare
Dove parcheggiare

Parcheggio presso il vecchio ospedale di Riva (Via Rosmini) e l’ex-cimitero (Viale Damiano Chiesa).

Parcheggi a pagamento: Terme Romane (Viale Roma), Vecchia stazione (Largo Medaglie d’Oro), Ex-agraria (Via Lutti), Area ex-Cattoi (Viale Rovereto).

Le escursioni in montagna richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come, ad esempio, un temporale improvviso o un calo di energia.

Cosa portare per un trekking in montagna?

Nello zaino (per un'escursione giornaliera di norma si consiglia un 25/30L) è bene portare:

  • boraccia (1L)
  • snack (per esempio, frutta secca o cioccolato)
  • kit di pronto soccorso
  • giacca antivento
  • una maglia in pile
  • maglietta e calze di ricambio (possibilmente chiusi in un sacchetto di plastica)
  • indossate o almeno portate nello zaino un paio di pantaloni lunghi
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti
  • fischietto per farsi rintracciare in caso di emergenza

 

Indossate calzature adatte al percorso ed alla stagione. Il piano di calpestio dei sentieri può essere irregolare o sconnesso ed un paio di scarponcini vi proteggerà dalle distorsioni. Un pendio erboso, una placca di roccia o un sentiero ripido, se bagnati, possono diventare pericolosi senza calzature adeguate.

Per finire... non dimenticate la macchina fotografica! Servirà per immortalare l'escursione e gli innumerevoli scorci mozzafiato che il Garda Trentino nasconde ad ogni angolo. Se poi volete condividere con noi i vostri ricordi potete usare l'hashtag #GardaTrentino

Il numero unico di emergenza è 112.

Riva del Garda
Info Point Riva del Garda
aperto
chiuso
info point
Torbole sul Garda - Nago
Strada di Santa Lucia
cultura
Torbole sul Garda - Nago
Belvedere
cultura
Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Area archeologica San Martino | © VisitTrentino, Garda Trentino
Facile
Arco, Comano
Monte San Martino nel Lomaso (da S. Giovanni)
Distanza 6,5 km
Durata 2 h 00 min
Dislivello (+) 200 m
Dislivello (-) 200 m
Stato
aperto
il lago di Ledro da Dromaè | © Alice Russolo, Garda Trentino
Medio
Riva del Garda, Ledro
Dromaé - Cima d'Oro
Distanza 11,5 km
Durata 6 h 00 min
Dislivello (+) 1.128 m
Dislivello (-) 1.128 m
Stato
aperto
© Staff Outdoor Garda Trentino AC, Garda Trentino
Medio
Ledro
Defensionsmauer
Distanza 7,8 km
Durata 3 h 00 min
Dislivello (+) 966 m
Dislivello (-) 966 m
Stato
aperto
Madonnina di Besta | © Archivio Garda Trentino (ph. Watchsome), Garda Trentino
Medio
Ledro
Giro della Madonnina di Besta
Distanza 6,5 km
Durata 2 h 30 min
Dislivello (+) 399 m
Dislivello (-) 399 m
Stato
chiuso
San Martino | © Stefania Oradini, Garda Trentino
Difficile
Ledro
Monte Corno: il balcone sul Lago di Ledro
Distanza 14,3 km
Durata 6 h 30 min
Dislivello (+) 1.051 m
Dislivello (-) 1.051 m
Stato
aperto
Sadri | © Staff Outdoor Garda Trentino AC, Garda Trentino
Medio
Ledro
Giro delle baite di Concei
Distanza 14,6 km
Durata 7 h 00 min
Dislivello (+) 1.035 m
Dislivello (-) 1.035 m
Stato
chiuso