Logo Garda
Top

Giro delle cime

Tenno, Comano, Riva del Garda, Ledro
Categoria
Difficoltà
Difficile
Durata
11:00
Durata in ore
Distanza
25.8
Distanza in km
Stato
aperto
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Pichea, Tofino, Doss de la Torta, Gavardina, Corno dei Guì, Corno di Lomar, Roda, Cadria. Quando in Valle di Ledro si parla di ‘Giro delle cime’ sono queste le cime che saltano alla mente, le più alte della valle.

Percorso molto impegnativo che percorre tutte le montagne che fanno da corona alla Val Concei. Sopra i 2.000 metri la vegetazione lascia spazio ai prati e lo sguardo è libero di spaziare tutto intorno: a ovest l’Adamello, a nord il Brenta, a est le Dolomiti e sud la Valle di Ledro. Panorami mozzafiato per un’esperienza indimenticabile.

Ulteriori informazioni e link utili

Per ulteriori informazioni su percorsi, servizi trekking (guide, shop, rifugi ecc.) e alloggi a misura di sportivo: Garda Trentino - +39 0464 554444

 

Dati percorso
Difficile
Numero percorso
Lunghezza
25,8 km
Durata
11 h 00 min
Dislivello (+)
2.366 m
Dislivello (-)
2.368 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
2.185 m
Punto più basso
833 m
Consiglio dell'autore

Si consiglia di affrontare il percorso in una giornata limpida per godere al meglio del panorama! Ogni montagna ha la sua storia e la sua identità. Il Monte Cadria, con i suoi 2.254 metri è la cima più alta della Valle di Ledro. La leggenda invece vuole che il Monte Gavardina sia la dimora dello spirito protettore della Valle, la fata Gavardina.

Indicazioni sulla sicurezza

Safety Tips

  1. Scegli itinerari in funzione delle tue capacità fisiche e tecniche, documentandoti sulla zona da visitare, sulla fruibilità dei sentieri e dotandoti di adeguata carta escursionistica.
  2. Provvedi a un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno e alla lunghezza dell’escursione e porta nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza e un kit di pronto soccorso.
  3. È consigliabile non intraprendere da soli un’escursione in montagna. In ogni caso lascia detto a qualcuno l’itinerario che prevedi percorrere, avvisando del tuo ritorno.
  4. Informati sulle previsioni meteo e osserva costantemente lo sviluppo del tempo.
  5. Nel dubbio torna indietro. A volte è meglio rinunciare piuttosto che trovarsi in difficoltà a causa del maltempo o per essersi cimentati con difficoltà di grado superiore alle proprie forze, capacità, attrezzature.
  6. Evita di uscire inutilmente dal sentiero e di prendere scorciatoie.
  7. Tutti i percorsi elencati si sviluppano in ambiente naturale. Percorrerli significa accettare il rischio della pratica di uno sport nella natura.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Attenzione! Tra il Monte Cadria e Malga Cadria è presente un tratto particolarmente esposto (EEA).

 

Punto di partenza
Località Perigol - Val Concei
Indicazioni

Da Perigol si imbocca il sentiero SAT 402 che porta alla Bocca di Trat. Si prosegue sul sentiero SAT 420 che corre lungo il Corno di Pichea e il Monte Tofino, scende fino alla Bocchetta dei Slavazì e si immette nel sentiero SAT 455 poco prima del Doss de la Torta. Sempre sul sentiero SAT 455 si raggiunge la Gavardina, si scende verso la Bocca dell’Ussol e si risale fino al Corno di Guil, al Corno di Lomar e alla Roda. Da lì si scende verso la Bocca dei Tortavai e si affronta l’ultima salita fino in cima al Monte Cadria, il tetto della Valle di Ledro. Dalla cima si scende verso Malga Cadria lungo il sentiero SAT 423 e si continua fino a valle passando per Malga Vies. Dalla Località Ex-Centrale si segue la strada asfaltata fino a Vedravì, si prosegue in direzione del Rifugio Al Faggio e si svolta a destra entrando nella Val Sorda in località Palò (in corrispondenza del cartello ‘Piste sci da fondo’). Si prosegue fino a Perigol, il punto di partenza.

Mezzi pubblici

La Valle di Ledro è collegata a Riva del Garda dalla linea bus extraurbana 214 (Riva-Valle di Ledro-Storo). La fermata più vicina al percorso è "Lenzumo" e poi proseguire per 3 km a piedi. 

Informazioni aggiornate su orari e tratte

 

 

Come arrivare

Autostrada A22, uscita Rovereto Sud – Lago di Garda. SS240 della Val di Ledro fino a Pieve di Ledro. Svoltare a destra per la Val Concei. Proseguire oltre Lenzumo e svoltare a destra in prossimità del cartello 'Piste sci da fondo.

Scopri come raggiungere il Garda Trentino

Dove parcheggiare

Parcheggio in località Perigol.

Le escursioni in montagna richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come, ad esempio, un temporale improvviso o un calo di energia.

Cosa portare per un trekking in montagna?

Nello zaino (per un'escursione giornaliera di norma si consiglia un 25/30L) è bene portare:

  • boraccia (1L)
  • snack (per esempio, frutta secca o cioccolato)
  • kit di pronto soccorso
  • giacca antivento
  • una maglia in pile
  • maglietta e calze di ricambio (possibilmente chiusi in un sacchetto di plastica)
  • indossate o almeno portate nello zaino un paio di pantaloni lunghi
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti
  • fischietto per farsi rintracciare in caso di emergenza

 

Indossate calzature adatte al percorso ed alla stagione. Il piano di calpestio dei sentieri può essere irregolare o sconnesso ed un paio di scarponcini vi proteggerà dalle distorsioni. Un pendio erboso, una placca di roccia o un sentiero ripido, se bagnati, possono diventare pericolosi senza calzature adeguate.

Per finire... non dimenticate la macchina fotografica! Servirà per immortalare l'escursione e gli innumerevoli scorci mozzafiato che il Garda Trentino nasconde ad ogni angolo. Se poi volete condividere con noi i vostri ricordi potete usare l'hashtag #GardaTrentino

Il numero unico di emergenza è 112.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Eremo di San Giacomo - Arco | © A. Galvagni ©APT Garda Trentino , Garda Trentino
Medio
Arco
10. All'Eremo di San Giacomo, balcone sull'Alto Garda
Distanza 4,2 km
Durata 2 h 15 min
Dislivello (+) 615 m
Dislivello (-) 8 m
Stato
aperto
Trekking al Bosco Caproni | © Archivio Garda Trentino (ph. Tommaso Prugnola), Garda Trentino
Facile
Arco
Bosco Caproni e Trincee di Vastrè
Distanza 5,4 km
Durata 2 h 20 min
Dislivello (+) 220 m
Dislivello (-) 217 m
Stato
aperto
Nelle gallerie della Grande Guerra lungo il percorso | © G.P. Calzà ©APT Garda Trentino , Garda Trentino
Difficile
Ledro
Grande Guerra: da Biacesa a Cima Rocca
Distanza 6,5 km
Durata 2 h 30 min
Dislivello (+) 712 m
Dislivello (-) 710 m
Stato
aperto
Strada del Ponale | © Staff Outdoor Garda Trentino AC, Garda Trentino
Medio
Riva del Garda, Ledro
Sentiero del Ponale (da Ledro)
Distanza 10,5 km
Durata 4 h 00 min
Dislivello (+) 382 m
Dislivello (-) 382 m
Stato
aperto
Rifugio Pernici - Bocca di Trat | © Archivio APT Garda Trentino, North Lake Garda Trentino
Difficile
Ledro, Riva del Garda
2 giorni sulle montagne e 1 notte al Rifugio Pernici
Distanza 25,4 km
Durata 13 h 45 min
Dislivello (+) 2.086 m
Dislivello (-) 2.086 m
Stato
aperto
Chiesa della Madonna delle ferle | © Staff Outdoor Garda Trentino AC, Garda Trentino
Facile
Ledro
Madonna delle ferle
Distanza 5,3 km
Durata 2 h 00 min
Dislivello (+) 323 m
Dislivello (-) 317 m
Stato
aperto