Logo Garda
Top
728. Val Concei - Tour
Ledro
Aggiungi ai preferiti
Categoria
Difficoltà
Facile
Durata
2:00
Durata in ore
Distanza
17
Distanza in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Percorso semplice e particolarmente adatto alle famiglie, che si snoda tra paesini e campi, fienili, e boschi.

Il dislivello contenuto e ben distribuito ne fanno un percorso semplice e poco impegnativo. Il polmone verde della Valle di Ledro, la Val Concei, è ricoperta in gran parte da boschi di conifere e latifoglie e ha l'onore di ospitare l'albero più vecchio della valle, un gigantesco faggio che da il nome al rifugio che si trova ai suoi piedi. Perfetto per una sosta riposante! In inverno la Val Sorda si ricopre di neve e si trasforma in pista per lo sci di fondo.

Ulteriori informazioni e link utili

Per ulteriori informazioni su percorsi, servizi bike (noleggi, officine, shop, ecc...) e alloggi a misura di sportivo:

 Garda Trentino
+39 0464 554444
info@gardatrentino.it
www.gardatrentino.it/bike

Dati percorso
Facile
Lunghezza
17,0 km
Durata
2 h 00 min
Salita
396 m
Discesa
392 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
970 m
Punto più basso
661 m
Consiglio dell'autore

Il bosco davanti al Rifugio Al Faggio è una foresta incantata dove è possibile passeggiare tra gnomi, fate e stregoni e incontrare la Fata Gavardina, spirito protettore della valle! Gli scultori di Leder Legn si sono ispirati alla sua leggenda per realizzare delle meravigliose opere in legno.

Indicazioni sulla sicurezza

Safety Tips

  1. Indossa sempre il casco.
  2. Pianifica la tua uscita.
  3. I sentieri sono condivisi con altri fruitori. Dai sempre la precedenza agli escursionisti a piedi.
  4. Controlla la velocità in base alla tua esperienza.
  5. Percorri lentamente i sentieri affollati, sorpassa con cortesia e rispetto.
  6. Non abbandonare mai i percorsi segnalati, non percorrere sentieri chiusi.
  7. Evita i sentieri in caso di fango per non danneggiarli ulteriormente.
  8. Rispetta la proprietà pubblica e privata.
  9. Sii sempre autosufficiente.
  10. Non viaggiare solo/a in zone isolate.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Punto di partenza
Pieve di Ledro
Indicazioni

Dal parcheggio a fianco dell’ufficio info a Pieve, si prosegue lungo Via Imperiale e si imbocca la ciclabile verso Bezzecca. Subito dopo il ponte si svolta a destra, si attraversa la statale e si prosegue lungo il torrente. Raggiunta Piazza Garibaldi si svolta a sinistra in Via XXI Luglio e poi a destra in Via Peluca. Dopo la curva in corrispondenza dell’area camper si svolta a sinistra e si imbocca la strada provinciale. Dopo circa 200 m si prende Via di Carpeà a sinistra. Dopo il parco giochi si svolta leggermente a destra e si prende la stradina di campagna sulla sinistra. Dopo pochi metri si incontra una croce di pietra e si svolta nuovamente a sinistra. Si prosegue lungo la stradina asfaltata per circa 500 m e al bivio si prende la stradina sterrata sulla sinistra. Una volta ritornati sull’asfalto si svolta a sinistra e si supera il ponticello per proseguire su una stradina asfaltata, che si congiunge con la strada provinciale poco prima di Lenzumo. Si prosegue dritti lungo la provinciale superando la chiesa di Lenzumo. Poco fuori dal paese si incontra un capitello e si svolta a destra su una stradina asfalta e dopo 400 m di nuovo a destra su una stradina sterrata. In corrispondenza di una croce di pietra si svolta a sinistra e poi subito dopo a destra. Si prosegue su sterrato e si supera il torrente per poi svoltare a sinistra e costeggiare l’acqua. Alla prima occasione si attraversa nuovamente il torrente e si continua a costeggiarlo sull’altra riva. Si attraversa ancora una volta il torrente e si prosegue dritti allontanandosi dall’acqua. Al bivio si prende a destra e si segue la stradina sterrata che costeggia la Val Sorda fino a Perigol, dove la strada prosegue per ripercorrere la valle nel verso opposto. Al primo bivio si tiene la sinistra e al secondo si svolta a destra, dopodiché si prosegue dritti ignorando le svolte fino a raggiungere il torrente. Lo si attraversa per l’ultima volta e si prosegue fino al bosco della Fata Gavardina, poco prima del Rifugio Al Faggio. 

Per rientrare al punto di partenza si segue dapprima il sentiero nel bosco che costeggia la strada asfaltata e poi la strada stessa. Dopo 500 m si incontra un ponte e subito dopo si svolta a sinistra per costeggiare il torrente fino a Lenzumo. In paese di prende dapprima Via dei Lach e poi all’incrocio si prosegue dritti su Via del Bò. Al capitello si prende a destra e si attraversa la provinciale per proseguire dritti. Al bivio si svolta sinistra in Via Bonomelli per entrare a Enguiso. Dietro la chiesa si imbocca la strettoia che dà accesso a una stradina asfaltata che conduce verso Locca. Raggiunta la croce in pietra già incontrata all’andata si svolta a sinistra in Via Doghen e dopo una salita si raggiunge Locca. Si supera il paese tenendosi sulla provinciale e in corrispondenza del primo tornante si prende la strada asfaltata chiusa alle auto che porta a Pieve. Raggiunto il paese si scende lungo Via Rabaglia e si svolta a destra in Via Cassoni per rientrare al punto di partenza.

Mezzi pubblici

La Valle di Ledro è collegata a Riva del Garda dalla linea bus extraurbana 214 (Riva-Valle di Ledro-Storo).

Informazioni aggiornate su orari e tratte.

Come arrivare
Dove parcheggiare

Parcheggio tra Via Imperiale e Via Nuova a Pieve, in prossimità dell’info point.

Le escursioni in sella alla tua bicicletta richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come, ad esempio, un temporale improvviso o un calo di energia: anche gli imprevisti fanno parte del divertimento!

Ricordati inoltre di valutare bene il tipo di percorso che stai affrontando, le località che prevedi di attraversare e la stagione in corso. Ha piovuto? Attenzione! I sentieri saranno più scivolosi e quindi bisogna essere più cauti.

Cosa portare con sé durante un’escursione in bicicletta?

  •  scorta d'acqua adeguata in base al proprio fabbisogno (considerate temperatura, possibilità di rifornimento, durata del percorso)
  • snack (per esempio, frutta secca o barrette)
  • giacca antivento e antipioggia
  • maglia e calze di ricambio
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti da bici
  • mappa o dispositivo gps
  • torcia meglio se da casco o manubrio (un imprevisto o un guasto tecnico possono dilungare i tempi dell'escursione
  • kit di primo soccorso
  • kit di riparazione bici per rimediare incidenti meccanici
  • fischietto di segnalazione

Lascia sempre detto a qualcuno dove sei diretto e quanto tempo hai previsto per la tua escursione.

Il numero unico di emergenza è 112.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Arco
Distanza 30,8 km
Durata 5 h 50 min
Differenza di altezza 1.057 m
Comano
Distanza 9,8 km
Durata 1 h 00 min
Differenza di altezza 259 m
Ledro
Distanza 38,6 km
Durata 5 h 00 min
Differenza di altezza 1.202 m
Arco, Dro & Drena, Riva del Garda
Distanza 30,3 km
Durata 3 h 17 min
Differenza di altezza 250 m
Ledro
Distanza 17,7 km
Durata 4 h 30 min
Differenza di altezza 816 m
Arco, Dro & Drena, Tenno
Distanza 32,7 km
Durata 5 h 55 min
Differenza di altezza 1.073 m