Logo Garda
Top

Sentiero della Fede

Comano
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
3:30
Durata in ore
Distanza
10.1
Distanza in km
Stato
aperto
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Dalle Terme di Comano lungo i sentieri dei pellegrini.
L'itinerario è segnalato con le impronte arancio.

Passeggiata che si snoda fra borghi e luoghi della fede del Bleggio, dove chiese, capitelli e croci scandivano soste e preghiere di un antico mondo contadino, in cui storia e leggenda si mescolavano in un misto di fede e superstizione. Itinerario di media difficoltà.

Ulteriori informazioni e link utili

Per ulteriori informazioni su percorsi, servizi trekking (guide, shop, rifugi ecc.) e alloggi a misura di sportivo: Garda Trentino - +39 0464 554444

 

Dati percorso
Medio
Numero percorso
Lunghezza
10,1 km
Durata
3 h 30 min
Dislivello (+)
310 m
Dislivello (-)
255 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
649 m
Punto più basso
396 m
Consiglio dell'autore

Chiesa di S. Felice a Bono: esempio di religiosità alpina, tra le Terme di Comano e il verde altopiano del Bleggio. Fu affrescata dai famosi pittori Baschenis (info per orari).

Indicazioni sulla sicurezza

Safety Tips

  1. Scegli itinerari in funzione delle tue capacità fisiche e tecniche, documentandoti sulla zona da visitare, sulla fruibilità dei sentieri e dotandoti di adeguata carta escursionistica.
  2. Provvedi a un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno e alla lunghezza dell’escursione e porta nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza e un kit di pronto soccorso.
  3. È consigliabile non intraprendere da soli un’escursione in montagna. In ogni caso lascia detto a qualcuno l’itinerario che prevedi percorrere, avvisando del tuo ritorno.
  4. Informati sulle previsioni meteo e osserva costantemente lo sviluppo del tempo.
  5. Nel dubbio torna indietro. A volte è meglio rinunciare piuttosto che trovarsi in difficoltà a causa del maltempo o per essersi cimentati con difficoltà di grado superiore alle proprie forze, capacità, attrezzature.
  6. Evita di uscire inutilmente dal sentiero e di prendere scorciatoie.
  7. Tutti i percorsi elencati si sviluppano in ambiente naturale. Percorrerli significa accettare il rischio della pratica di uno sport nella natura.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Punto di partenza
Giardino al Sarca di Ponte Arche/Comano Terme
Indicazioni

Difficoltà: T (sentiero turistico)

Lasciata la macchina nel parcheggio nei pressi del ponte in legno del Giardino Al Sarca di Ponte Arche, si prende l’itinerario pedonale che costeggia il duina e porta sulla strada principale. Si prosegue verso destra per imboccare, subito dopo il ponte, la ciclo-pedonale sterrata che sale fra il torrente Duina e il Municipio. Si torna sulla strada provinciale in corrispondenza dell’Albergo Sayonara, dopo aver attraversato la strada si continua a salire verso sinistra in direzione della caserma dei carabinieri. Si passa davanti alla caserma per costeggiarla sulla sinistra e proseguire lungo una strada sterrata che risale il Duina (segnavia MTB itinerario B4.09). Si attraversa il torrente passando su un ponticello di legno e si continua sulla strada forestale che dopo un primo tratto pianeggiante, inizia a salire ripida fra gli abeti per sbucare fra i campi coltivati a mais e patata del Bleggio Inferiore. Al primo bivio si tiene la destra, costeggiando meleti si arriva ad un altro bivio, presso un prato con alberi di noce, dove si svolta a sinistra per dirigersi verso Bono, del quale poco dopo si cominciano ad intravedere i tetti fra i rami di un filare di noci. Tipico borgo rurale giudicariese Bono offre incantevoli scorci fra antiche case di pietra, fontane e ballatoi ornati di pannocchie e attrezzi rurali. Da Bono, una breve digressione verso destra ci porta alla chiesa di San Felice, immersa fra i campi coltivati. Si procede tornando verso il centro abitato, lo si attraversa e seguendo la strada principale, si sale a Gallio dal quale si prosegue per Santa Croce, guidati dal campanile della chiesa che si staglia contro il cielo. Il paese deve il nome ad una leggendaria croce taumaturgica conservata nella cappella della chiesa e celebrata da un imponente monumento eretto dirimpetto la facciata della pieve. L’itinerario sale dalla strada a destra della croce tonalitica per proseguire diritti, lungo la via principale, fino al paesino di Duvredo e alla piccola chiesa di San Sebastiano. Da Duvredo si prosegue seguendo le indicazioni per Castel Restor e Vergonzo. La visita dei ruderi di Castel Restor richiede una deviazione di circa 400 m, premiata da un’ampia vista sulle campagne circostanti costellate di borghi. L’itinerario principale cala direttamente a Vergonzo, passando presso la chiesetta di San Bartolomeo, che lasciamo sulla destra per proseguire fino al ponte sul rio Tanfurin. Subito a destra del ponte, una strada secondaria asfaltata aggira il paese passando fra le case e gli orti, al primo bivio si svolta a sinistra inoltrandosi fra vigneti, meleti e seminativi, dietro ai quali si erge il Castello di Stenico. La strada conduce all’ingresso del piccolo nucleo abitato di Biè, verso il quale ci si dirige per svoltare a destra appena fuori dalle case, in corrispondenza di una bacheca di legno, e seguitare lungo una strada di campagna sterrata al termine della quale, sulla destra, troviamo la chiesa di San Nicolò.

Seguendo le indicazioni per Ponte Arche si svolta a sinistra e si avanza fra i coltivi fino al termine della strada asfaltata, raggiunto il quale si svolta bruscamente a sinistra per un sentiero che punta verso il bosco vicino (segnaletica MTB). L’itinerario scende fra maestosi alberi di faggio fino ad incrociare una strada forestale a margine di un prato racchiuso fra i boschi, prendere a destra e poi a sinistra al bivio successivo; dopo un ulteriore tratto in bosco la strada esce nell’area artigianale di Ponte Arche. Attraversare la strada e seguendo il marciapiede proseguire dritti fino all’incrocio presso il distributore, svoltare a sinistra e proseguire in direzione del centro di Ponte Arche. Arrivati nei pressi della piazza girare a sinistra sul ponte delle tre arche ed infine a destra per il Parco Termale, il punto di partenza si raggiunge in pochi minuti tramite il ponte pedonale in legno.

Mezzi pubblici

L’area di Comano è collegata agli altri centri del Garda Trentino dalle linee bus extraurbane 211 (Riva del Garda - Tenno - Fiavè - Ponte Arche) e 201 (Trento - Ponte Arche - Campiglio – Tione).

Informazioni aggiornate su orari e tratte.

 

Come arrivare

Arrivati a Ponte Arche/Comano Terme, all'altezza dell'Azienda per il Turismo scendere per la strada che porta verso il parco termale, a 50 m si trova un parcheggio punto di partenza della passeggiata.

Scopri come raggiungere il Garda Trentino.

 

Dove parcheggiare

Parcheggio libero presso il Giardino al Sarca di Ponte Arche/Comano Terme.

Le escursioni in montagna richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come, ad esempio, un temporale improvviso o un calo di energia.

Cosa portare per un trekking in montagna?

Nello zaino (per un'escursione giornaliera di norma si consiglia un 25/30L) è bene portare:

  • boraccia (1L)
  • snack (per esempio, frutta secca o cioccolato)
  • kit di pronto soccorso
  • giacca antivento
  • una maglia in pile
  • maglietta e calze di ricambio (possibilmente chiusi in un sacchetto di plastica)
  • indossate o almeno portate nello zaino un paio di pantaloni lunghi
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti
  • fischietto per farsi rintracciare in caso di emergenza

 

Indossate calzature adatte al percorso ed alla stagione. Il piano di calpestio dei sentieri può essere irregolare o sconnesso ed un paio di scarponcini vi proteggerà dalle distorsioni. Un pendio erboso, una placca di roccia o un sentiero ripido, se bagnati, possono diventare pericolosi senza calzature adeguate.

Per finire... non dimenticate la macchina fotografica! Servirà per immortalare l'escursione e gli innumerevoli scorci mozzafiato che il Garda Trentino nasconde ad ogni angolo. Se poi volete condividere con noi i vostri ricordi potete usare l'hashtag #GardaTrentino

Il numero unico di emergenza è 112.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
San Martino | © Stefania Oradini, Garda Trentino
Difficile
Ledro
Monte Corno: il balcone sul Lago di Ledro
Distanza 14,3 km
Durata 6 h 30 min
Dislivello (+) 1.051 m
Dislivello (-) 1.051 m
Stato
aperto
Cima Al Bal | © Fabrizio Novali, Garda Trentino
Difficile
Ledro, Riva del Garda
Cima Bal e Cima Nara
Distanza 14,2 km
Durata 8 h 00 min
Dislivello (+) 1.195 m
Dislivello (-) 1.195 m
Stato
aperto
Verso la cima del Monte Casale | © Archivio Garda Trentino (ph. Watchsome), Garda Trentino
Medio
Comano
Sulla cima del Monte Casale
Distanza 11,6 km
Durata 5 h 00 min
Dislivello (+) 1.005 m
Dislivello (-) 1.005 m
Stato
aperto
Monte Stivo | © Archivio Garda Trentino - (Ph. Jennifer Doohan), Garda Trentino
Medio
Val di Gresta, Arco
Sulla cima del Monte Stivo
Distanza 9,7 km
Durata 4 h 00 min
Dislivello (+) 850 m
Dislivello (-) 856 m
Stato
aperto
L'inizio del percorso, lungo il fiume Sarca | © Archivio Garda Trentino, Garda Trentino
Medio
Torbole sul Garda - Nago, Arco, Riva del Garda
GardaTrek - Low Loop 2: da Arco a Riva del Garda
Distanza 19,2 km
Durata 7 h 10 min
Dislivello (+) 543 m
Dislivello (-) 569 m
Stato
aperto
La discesa nel tratto attrezzato | © Archivio APT Garda Trentino, Garda Trentino
Medio
Dro & Drena, Arco
Da Dro a Braila sul Sentiero della Maestra
Distanza 10,9 km
Durata 4 h 30 min
Dislivello (+) 455 m
Dislivello (-) 454 m
Stato
aperto