Logo Garda
Top

Castel Restor e le sue frazioni

Comano
Aggiungi ai preferiti
Categoria
Difficoltà
Facile
Durata
2:00
Durata in ore
Distanza
5.1
Distanza in km
Stato
aperto
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Una semplice sgambettata per visitare ciò che rimane del castello e conoscere le piccole frazioni attorno.

La prima notizia relativa a Castel Restór risale al 1265, anno in cui il principe vescovo di Trento Egnone di Appiano concesse in feudo a Federico d’Arco il Dosso della Vedova. Con quest’atto il presule permise di costruirvi un castello per proteggere dai pericoli esterni la popolazione della zona. La fortificazione, oggi nel comune del Bleggio, sorse in un territorio di fondamentale importanza per il collegamento tra il Banale, le Giudicarie, il Lomaso e il Basso Sarca. Durante gli anni di guerra tra Venezia e Milano il Trentino occidentale divenne teatro di continue e feroci battaglie. In questo contesto, Castel Restór venne dapprima occupato dal Gattamelata, capitano della Serenissima, più tardi espugnato e distrutto da Paride Lodrón. Una volta ricostruito, mantenne le sue funzioni difensive fino al XVIII secolo, quando venne trasformato in casino di caccia. Castel Restór doveva presentarsi originariamente con un impianto piuttosto simile alle altre fortificazioni dei conti d’Arco, quali Drena e Castellino: una torre quadrangolare circondata tutt’intorno da una cinta muraria curvilinea. Oggi si presenta allo stato di rudere, nonostante se ne possa ancora apprezzare la possente torre.

Ulteriori informazioni e link utili

Per ulteriori informazioni su percorsi, servizi trekking (guide, shop, rifugi ecc.) e alloggi a misura di sportivo: Garda Trentino - +39 0464 554444

 

Dati percorso
Facile
Numero percorso
Lunghezza
5,1 km
Durata
2 h 00 min
Dislivello (+)
148 m
Dislivello (-)
151 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
669 m
Punto più basso
518 m
Indicazioni sulla sicurezza

Il numero di telefono per le emergenze è il 112.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche. 

Punto di partenza
Vergonzo, Comano Terme (735 m)
Indicazioni

Difficoltà: T (turistico)

Lasciata la macchina a Vergonzo, nel parcheggio nei pressi del bivio per il castello, si sale seguendo le indicazioni lungo una panoramica strada sterrata che in poco tempo permette di arrivare a Castel Restor. Il castello fu eretto nel 1265 dai Conti D’Arco e presiede le pendici del Monte S. Martino; fu roccaforte nei conflitti tra i da Campo, i Lodron e i d’Arco, andò in rovina nel XVIII secolo e di esso rimangono ormai solo ruderi. Qualche anno fa sono stati realizzati dei lavori di restauro per la conservazione di quanto ancora rimasto. Attualmente è visibile ciò che rimane di una torre in granito, di una cisterna per l’acqua, di parte dei muri del palazzo e qualche resto della muraglia di cinta. Rientrati in paese per la stessa via di salita, si prosegue alla scoperta dei borghi e delle piccole chiesette circostanti. Si parte dalla vicina chiesa dei SS. Bartolomeo e Matteo, poco sotto il parcheggio: costruita nella seconda metà del XVI secolo dove prima esisteva un capitello affrescato probabilmente del Baschenis. Si scende verso sinistra fino ad incrociare la strada principale, per poi proseguire, sempre verso sinistra, in direzione di Tignerone. Poco prima del paese si trova la chiesa dedicata a S. Giorgio, riedificata in pieno Rinascimento, ha all’interno tre pregevoli altari dedicati a S. Giorgio, S. Antonio da Padova e ai Santi Rocco e Sebastiano. Si oltrepassa Tignerone per arrivare a Cillà, dove troviamo una chiesetta privata del 1893, dedicata ai Santi Francesco e Giacomo. Appena dopo tale chiesetta il percorso devia a destra (seguire la segnaletica “Biè – P.Arche”) inoltrandosi per la campagna dove, poco più avanti, si trova un capitello dedicato al SS. Crocifisso. Si scende leggermente nella “Val di Biè”, per poi risalire e trovarsi, in cima alla breve salita, di fronte alle prime case del piccolo centro di Biè e ad un bivio, svoltare a sinistra per una strada sterrata di campagna ed in poco tempo si arriva alla chiesa di S. Nicolò.
Lasciata la chiesetta si continua sulla strada pianeggiante fra campi coltivati fino alla frazione di Comighello. Entrati in paese lo si attraversa e si arriva sulla Strada Provinciale N° 5 del Bleggio che si segue a destra sul marciapiede di cui è dotata. Poco avanti, si gira a destra e si imbocca la strada comunale per Sesto. Per poter vedere la caratteristica architettura del borgo si prosegue sulla strada principale fino in fondo al paese e, arrivati ad una piccola fontana si gira a sinistra salendo per portarsi su una via parallela a quella percorsa precedentemente. Si gira a sinistra e si prosegue, passando sotto un ponte, fino a ritornare sulla strada provinciale dove si imbocca, sulla destra, una stradina asfaltata di campagna che fa ritorno a Vergonzo.

Mezzi pubblici

La zona del Bleggio è collegata agli altri centri del Garda Trentino dalle linee bus extraurbane 211 (Riva del Garda - Tenno - Fiavè - Ponte Arche) e 210 (Ponte Arche - S.Croce - Cavrasto - Bivedo). 

Informazioni aggiornate su orari e tratte qui e sul sito web di Trentino Trasporti.

 

Come arrivare

Da Ponte Arche/Comano Terme proseguire verso il Bleggio fino all'abitato di Vergonzo (4 km).

Scopri come raggiungere il Garda Trentino.

 

Dove parcheggiare

Parcheggio libero a Vergonzo.

Questa escursione è piuttosto semplice e non presenta particolari difficoltà. Tuttavia, consigliamo di indossare calzature adeguate e di portarsi un cappello, crema solare, occhiali da sole. Non dimenticarti dell'acqua.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Ledro
Gorg d'Abiss
Distanza 1,4 km
Durata 1 h 00 min
Dislivello (+) 125 m
Dislivello (-) 4 m
Stato
aperto
Ledro
Le campagne di Legos
Distanza 5,0 km
Durata 1 h 00 min
Dislivello (+) 100 m
Dislivello (-) 100 m
Stato
aperto
Arco
La Rilke Promenade di Arco
Distanza 7,1 km
Durata 2 h 15 min
Dislivello (+) 221 m
Dislivello (-) 221 m
Stato
aperto
Ledro
Panorama da Tremalzo
Distanza 4,3 km
Durata 1 h 30 min
Dislivello (+) 190 m
Dislivello (-) 190 m
Stato
aperto
Comano
I Sentieri dei Piccoli Camminatori: "La strada delle streghe"
Distanza 2,6 km
Durata 1 h 15 min
Dislivello (+) 107 m
Dislivello (-) 115 m
Stato
aperto
Arco
Salita al Castello di Arco
Distanza 2,9 km
Durata 1 h 00 min
Dislivello (+) 111 m
Dislivello (-) 99 m
Stato
aperto