Logo Garda
Top
1801. Monte Misone
Tenno, Comano
Aggiungi ai preferiti
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
3:55
Durata in ore
Distanza
28.7
Distanza in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec
Il Monte Misone, ben noto ai biker del Garda come un giro riservato a ciclisti avventurosi e molto esperti, ben allenati e con ottima tecnica di guida, ha caratteri scostanti. Vero è che offre un panorama affascinante sul Lago di Garda, ma costringe ad una salita molto ripida e poi ad una discesa su un sentiero altrettanto impegnativa.

Decisamente meno faticoso e molto più bello è il giro del Misone dal sud della valle di Comano. Dopo essere partiti dal parcheggio del Bistrot Erika Eis, nel bel paese di Fiavé, si pedala dolcemente in salita su solitarie stradine asfaltate e sterrate, attraverso Cornelle fino al Passo del Ballino e poco più avanti sulla strada che porta al paese di Ballino, a 750 metri, il punto più alto della parte ovest del Misone.

 

Di lì si prendono stradine sterrate, sempre in leggera discesa, fino alle acque turchesi del lago di Tenno, molto familiare ai ciclisti del Garda. Chi lo voglia può ristorarsi e poi proseguire attraverso i centri storici meravigliosamente restaurati di Canale e Calvola, fino alla salita asfaltata piuttosto ripida che porta al Monte Calino. La ricompensa, arrivati al Rifugio San Pietro, saranno appetitose specialità trentine e una straordinaria vista aerea del Lago di Garda.

 

Dopo essersi ristorati si pedala in discesa, dapprima su uno sterrato in leggera pendenza, poi per un tratto nel bosco davvero impegnativo e roccioso fino al Pra della Vespana.  Lì comincia un breve singletrail che si può seguire fino in Val Lomasone. Chi lo giudica troppo difficile può prendere a sinistra, subito dopo il bivio, lo sterrato che è decisamente meno impegnativo e porta comunque in Val Lomasone.

 

Di lì segue un facile tratto lungo la dolce valle, prima sterrato e poi asfaltato, fino al margine del paese di Dasindo, dove si deve girare bruscamente a sinistra e poi di nuovo a destra su di una stretta e ripida stradina asfaltata per rientrare - attraverso Favrio - a Fiavé e al Bistrot Erika Eis, dove si può gustare un gelato o una torta di produzione propria, con ingredienti prodotti localmente.

Dati percorso
Medio
Lunghezza
28,7 km
Durata
3 h 55 min
Salita
838 m
Discesa
838 m
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
971 m
Punto più basso
500 m
Indicazioni sulla sicurezza

CODICE DI COMPORTAMENTO PER UN BIKING SOSTENIBILE

 

  • Pianificate la vostra uscita
  • Condividete i sentieri con gli altri fruitori
  • Date sempre la precedenza agli escursionisti a piedi
  • Controllate la velocità in base alla vostra esperienza
  • Percorrete lentamente i sentieri affollati, sorpassate con cortesia e rispetto
  • Non abbandonate mai i percorsi segnalati, non percorrere sentieri chiusi
  • Evitate i sentieri in caso di fango per non danneggiarli ulteriormente
  • Rispettate la natura, il sentiero, le piante e gli animali
  • Non spaventate gli animali
  • Non abbandonate i rifiuti
  • Rispettate la proprietà pubblica e privata
  • Siate sempre autosufficienti
  • Non viaggiate soli in zone isolate
  • Lasciate impronte leggere e limitatevi a scattare foto come ricordo dell’uscita

 

INDOSSATE SEMPRE IL CASCO!

Suggerimenti tratti dai codici di comportamento NORBA E IMBA.

 

Le informazioni contenute in questo scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Punto di partenza
Fiavé

Le escursioni in sella alla vostra bicicletta richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come ad esempio un temporale improvviso o un calo di energia: anche gli imprevisti fanno parte del divertimento!

Ricordati inoltre di valutare bene il tipo di percorso che stai affrontando, le località che prevedi di attraversare e la stagione in corso. Ha piovuto? Attenzione! I sentieri saranno più scivolosi e quindi bisogna essere più cauti.

 

Cosa portare con sè durante un escursione in bicicletta?

 

  • scorta d'acqua adeguata in base al proprio fabbisogno (considerate temperatura, possibilità di rifornimento, durata del percorso)
  • snack (per esempio, frutta secca o barrette)
  • giacca antivento e antipioggia
  • maglia e calze di ricambio
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti da bici
  • mappa o dispositivo gps
  • torcia meglio se da casco o manubrio (un imprevisto o un guasto tecnico possono dilungare i tempi dell'escursione)
  • kit di primo soccorso
  • kit di riparazione bici per rimediare incidenti meccanici
  • fischietto di segnalazione

 

Lasciate sempre detto a qualcuno dove siete diretti e per quanto tempo avete previsto per la vostra escursione.

Infine il numero telefonico in caso di emergenza è il 112.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Arco, Dro & Drena, Riva del Garda
Distanza 30,3 km
Durata 3 h 17 min
Differenza di altezza 250 m
Arco
Distanza 7,9 km
Durata 50 min
Differenza di altezza 96 m
Valle dei Laghi
Distanza 43,8 km
Durata 7 h 30 min
Differenza di altezza 696 m
Arco, Comano, Dro & Drena, Riva del Garda, Tenno
Distanza 88,8 km
Durata 8 h 00 min
Differenza di altezza 1.419 m
Torbole sul Garda - Nago
Distanza 42,8 km
Durata 7 h 45 min
Differenza di altezza 1.550 m
Arco, Dro & Drena, Riva del Garda, Tenno
Distanza 39,6 km
Durata 3 h 30 min
Differenza di altezza 1.088 m