booking
blog
meteo
webcam
social wall

Tesori Nascosti - Itinerario I Forti del Monte Brione

Con l'ingresso in guerra dell'Italia nel 1915 il sud del Trentino austro-ungarico venne a trovarsi sulla linea del fronte. In previsione di un possibile conflitto la zona era stata intensamente fortificata soprattutto dal lato austro-ungarico già a partire dal 1860. Sul Garda sono presenti ben cinque generazioni di forti alpini. Le opere fortificatorie nel settore di Riva del Garda comprendono la Tagliata del Ponale, il Forte Bellavista, la batteria sulla spiaggia, il Forte San Nicolò, il Forte Garda, la Batteria di Mezzo, il Forte S. Alessandro, due batterie mortai sul Brione, il Forte Tombio ed i due Forti di Nago.


Partenza: Porto S. Nicolò, Riva (Viale Rovereto 110)
Termine: Porto S. Nicolò
Lunghezza: ca 6,5 km AR
Durata: ca 2h 30'
Dislivello: 310m
Difficoltà: media/difficile
Note: Il percorso non è adatto a passeggini e sedie a rotelle. Il sentiero attraversa un biotopo protetto, per cui si prega di tenere al guinzaglio i cani. In estate si consiglia di portare con se acqua.

I testi dell'itinerario sono © MAG Museo Alto Garda

1 I Forti del Monte Brione

Con l'ingresso in guerra dell'Italia nel 1915 il sud del Trentino austro-ungarico venne a trovarsi sulla linea del fronte. In previsione di un possibile conflitto la zona era stata intensamente fortificata soprattutto dal lato austro-ungarico già a partire dal 1860. Sul Garda sono presenti ben cinque generazioni di forti alpini.

Lo sbarramento dei forti altogardesani austriaci viene a incernierarsi su un fronte abbastanza composito che dal Doss della Torta-Gavardina scende alla Rocchetta e quindi attraversa la pianura del Basso Sarca e si inerpica sullo Stivo e sul Creino, comprendendo anche il caposaldo di Malga Zures, nel settore del Baldo, importante sbarramento all’avanzata delle truppe italiane provenienti dalla cima dell’Altissimo, da Doss Casina e da Doss Alto. 
Le opere fortificatorie nel settore di Riva del Garda comprendono la Tagliata del Ponale, il Forte Bellavista, la batteria sulla spiaggia, il Forte San Nicolò, il Forte Garda, la Batteria di Mezzo, il Forte S. Alessandro, due batterie mortai sul Brione, il Forte Tombio ed i due Forti di Nago.

Da parte italiana lungo il confine non viene contrapposta alcuna opera permanente di carattere fortificatorio, essendo il fronte piuttosto avanzato rispetto alle posizioni di partenza e ritenendosi sufficiente per far pressione contro la linea austriaca il dominio diretto del monte Baldo ed il sostegno di due grossi cannoni da Marina installati a Malcesine e a Limone.
2 Forte S. Nicolò

Ubicato alle pendici del monte Brione presso l’omonimo porto di Riva del Garda. Costruito fra il 1860 e il 1862, è stato poi ampliato e rimodernato nel 1911/1912. Forte di prima generazione, definito tagliata valliva: casamatta non armata di pietra a vista ben lavorata e calce; quando venne rimodernato venne usato il calcestruzzo armato. La sua funzione era quella di controllo del lago e del traffico tra Riva e Torbole: infatti era anche un esempio di tagliata con tanto di portone di ferro che chiudeva la strada. 
Scopri di più scaricando la App Tesori Nascosti del Garda Trentino. 

 
Apprezziamo i Vostri suggerimenti e commenti: info@gardatrentino.it

iscriviti alla nostra

Newsletter
INVIA
BOOKING
  • Nessun costo di prenotazione
  • Offerte esclusive
  • Piattaforma sicura al 100%
  • Prenotazioni +39 0464 554444

Sito ufficiale di Garda Trentino S.p.A. - Azienda per il Turismo:

Riva del Garda (TN) Largo Medaglie d'oro, 5

Tel: +39 (0464) 554444 - Fax: +39 (0464) 025442

E-mail: info@gardatrentino.it

PEC: gardatrentino@pec.gardatrentino.it

Torbole sul Garda - Nago (TN) Lungolago Conca d'oro, 25

Arco (TN) Viale delle Palme, 1

Registro Imprese Trento, C.F. e P. IVA 01855030225

Cap. Soc. € 499.000,00 I.V. - REA N. 182762

Share