Logo Garda
Covid 19 Vacanze Sicure per un soggiorno sereno e senza preoccupazioni Scopri di più Chiudi
Top
Passo della Morte - Tour 1805
Madruzzo, Garda Trentino
Aggiungi ai preferiti
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
3:55
Durata in ore
Distanza
21.7
Distanza in km
Stato
chiuso
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec
Passo della Morte: che nome! Suona come se fosse così pericoloso da far correre pericolo di morte al pacifico biker. Sbagliato in pieno, visto che al Passo della Morte porta una normale strada sterrata.

Il percorso segue un sentiero in discesa, più impegnativo, però alla portata di tutti.

Il nome "Passo della Morte" ha tutt’altra origine, è di un’epoca in cui non c’era alcuna strada lungo la forra del Limarò e i viandanti dovevano prendere questa via solitaria, ben al di sopra della gola, attraverso il passo che collega Toblino a Comano. La leggenda narra che il Conte di Castel Toblino si fosse perdutamente innamorato della bella gentildonna del Castello di Stenico, nella valle di Comano. Per chiedere la sua mano, dovette passare attraverso questo passo e proprio lì fu proditoriamente ucciso da un rivale geloso.

È piuttosto improbabile però che i biker, al Passo della Morte, rischino un simile destino. Questo giro è oggi molto godibile e pieno di attrazioni.

Dopo la partenza da Ponte Arche si sale una strada poco trafficata fino al bel borgo di Comano, con la sua splendida vista su Val d’Ambiez e le Dolomiti di Brenta. Poco dopo il paese comincia lo sterrato che porta al Passo lungo una comoda salita e permette sempre di spaziare sulla valle di Comano.

Il Passo non è spettacolare in sé. Qui e là, lungo la stradina bianca, lo sguardo va alla forra del Sarca.  Emozionante diventa un poco più avanti, arrivati nel bosco, dove - più ripido e tecnicamente impegnativo - il percorso porta giù nella forra sottostante.

Pista ciclabile richiama qualcosa di noioso, ma questa vecchia strada lungo la forra del Sarca, che in questo tratto è chiamato Limarò, non lo è per niente. Negli anni venti del secolo scorso è stata faticosamente scavata nella roccia e ora è stata trasformata in pista ciclopedonale, dopo che la strada principale è stata accorciata da una serie di tunnel. La ciclabile offre viste sensazionali della profondissima lunga Forra del Limarò e può senz’altro considerarsi una delle più belle d’Europa. Circa a metà si può ristorarsi con specialità locali all’antico Maso Limarò, recentemente restaurato e riproposto come Agritur. Alla fine della ciclabile si deve pedalare per un breve tratto sulla strada principale, poi si trova un sentiero a destra, una ripida discesa, che porta al Ponte Balandin di epoca romana.

Oggi si passa sopra la forra del Limarò/Sarca  su un nuovo ponte di acciaio, a circa 100 metri da quello antico. Poi si risale, lungo un sentiero piuttosto ripido, verso Villa Banale, per scendere infine piacevolmente lungo una stradina nel bosco con belle aperture sulla valle di Comano fino a Ponte Arche.

Dati percorso
Medio
Lunghezza
21,7 km
Durata
3 h 55 min
Salita
743 m
Discesa
743 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
848 m
Punto più basso
350 m
Punto di partenza
Ponte Arche
Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Arco, Dro, Tenno, Garda Trentino
Distanza 32,7 km
Durata 5 h 55 min
Salita 1.073 m
Arco, Riva del Garda, Garda Trentino
Distanza 47,5 km
Durata 4 h 00 min
Salita 1.080 m
Tenno, Garda Trentino
Distanza 28,7 km
Durata 3 h 55 min
Salita 471 m
Arco, Dro, Tenno, Garda Trentino
Distanza 32,0 km
Durata 6 h 05 min
Salita 1.074 m
Garda Trentino
Distanza 2,0 km
Durata 10 min
Salita 490 m
Tenno, Riva del Garda, Arco, Garda Trentino
Distanza 29,8 km
Durata 5 h 00 min
Salita 957 m